sabato 25 agosto 2012

Uso in cucina "alternativo" dell'aceto

Ho già parlato dell'aceto di vino bianco nello scorso post, per quanto riguarda l'utilizzo come ammorbidente.
A proposito, lo sapevate che utilizzarlo anche saltuariamente come lavaggio a vuoto dentro la lavatrice aiuta ad eliminare il calcare all'interno di essa? Un motivo in più per utilizzarlo al posto degli ammorbidenti in commercio.

Questa volta ve ne voglio parlare come uso"alternativo" al detergente in gel per lavare i piatti che si acquista nei negozi.

L'aceto di vino bianco o anche l'aceto di mele (come mi è stato detto da un'amica "ecologica"), ha molti modi per essere utilizzato in casa.

Cos'è l'aceto

Aceto deriva dalla parola latina acètum, che ha la stessa radice etimologia *ak-."essere pungente, del verbo acère, "inacidire", nonchè di àcer, "aguzzo,aspro".

Viene definito aceto il liquido acido ottenuto grazie all'azione di batteri Gram-negativi del genere Acetobacter, che, in presenza di aria e acqua, ossidano l'etanolo contenuto nel vino, nel sidro, nella birra, dell'idromele (da cui si ricava il cosiddetto "aceto di miele") e in altre bevande alcoliche fermentate, oppure in altre materie prime quali malti, riso e frutta (anche mosto cotto), trasformandolo in acido acetico.
L'aceto contiene tipicamente un volume di acido acetico compreso fra il tre e il cinque per cento: gli aceti naturali contengono anche piccole quantità di acido tartarico e acido citrico. I vini nelle botti sono particolarmente sensibili agli attacchi dei batteri ossidanti se non sigillati perfettamente o se raggiungono temperature troppo alte.

(Fonte delle informazioni qui sopra riportate: Wikipedia)

http://it.fotolia.com/partner/200802239
Dalle mele, l'aceto di mele


Proprio perché è un prodotto acido ha varie proprietà di sgrassatore, lucidante, con azione "elimina odori".

Dove lo utilizzo

Io lo utilizzo SEMPRE in cucina...ma non come ingrediente per le ricette, bensì per lucidare le pentole e sgrassare tutte le stoviglie. In famiglia non piaceva molto l'odore che arrivava dalla cucina mentre pulivo, così ho trovato una ricetta per un "sapone" che deterge le stoviglie in completa ecologia e niente puzza! ^_^
Ricettina veloce per un buon detergente eco per stoviglie :
  • n.2 limoni
  • mezzo bicchiere di sale grosso
  • 1 bicchiere di aceto di vino o di mele
  • (quando fate la pasta) aggiungere acqua della pasta tiepida.
Si prendere la scorza dei limoni e la si fa bollire per pochi minuti con il sale grosso. Si lascia intiepidire, si aggiunge l'aceto di vino e la polpa dei limoni. Si passa tutto nel frullatore, e si inserisce il composto in contenitori per saponi liquidi. Ottima l'acqua della pasta cotta, piena di amido, che io preferisco aggiungere quando cuocio la pasta, e non la conservo per aggiungerla nei barattoli.

RICORDATE  I piatti, prima di essere lavati, vanno puliti un minimo con le bucce della frutta o con un pezzo di carta, per evitare che grassi e residui di cibo vadano giù per le tubature. Oltre ad intasare quest'ultime, gli oli inquinano le acque!

Da RobyCrea


Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti fanno crescere il blog :)
Sono felice di leggere i vostri commenti. Una risposta la riservo a tutti e nel caso aveste un blog, saro' felice di far una scappatina e lascrvi un commento.

Cerca nell'Ecoblog