sabato 7 febbraio 2015

Infuso di zenzero per i mali stagionali


img. freepik.com

Un'amica vegana mi ha parlato dei suoi infusi con zenzero e limone che curano l'influenza in modo eccezionale.
Ho sempre pensato che avrei dovuto provare anche se il piccantino dello zenzero non era di mio gradimento.
Un anno fa lo feci, ci misi troppo zenzero assieme al miele e praticamente ero una pentola in ebollizione!

Quest'anno ho trovato un infuso gia' pronto, di una ditta tedesca, che contiene: zenzero, cardamomo, citronella, scorze di limone, limone e liquirizia ed ho deciso di ritentare viste che le dosi sono create da qualcun'altro!
Insomma per iniziare un tentativo che non vada a fallire nuovamente ci voleva!

Oramai sono 3 giorni che lo "somministro" ai pazienti malaticci di casa (compresa me che ho una tonsilla infiammata) e dopo i primi sorsi si sentono gli effetti benefici delle erbe presenti nell'infuso e le gocce di limone che metto SEMPRE.
Non dolcifico, ma chi volesse un sapore dolce, qualche goccia di stevia, un po' di zucchero da sciogliere, del miele puo' andare, basta che non ne mettiate troppo, sarebbe stucchevole.

Pronti a curare il raffreddore o il mal di gola con lo zenzero? Di seguito le sue proprieta'.



img. freepik.com

Lo Zenzero

Lo zenzero, ginger, è il rizoma di una pianta che fa parte della famiglia del cardamomo, una spezia utilizzata per curare il raffreddore e il mal di denti. La pianta dello zenzero è originaria dell’Asia meridionale, ma cresce in tutte le zone equatoriali monsoniche, ha foglie lunghe e fiori gialli o color porpora ed è alta circa un metro.
Il suo uso è sempre più diffuso, dall’Asia fino all’Africa, ormai anche in Europa, e addirittura gli antichi Romani se lo facevano arrivare, conoscendo le fantastiche proprietà. Lo zenzero non produce alcun frutto: ciò che si usa in cucina o in erboristeria è il rizoma o radice, a forma di tubero.
* Ricordo a tutti coloro che non conoscono bene questa radice che prima che comparisse il peperoncino nella dieta mediterranea, era diffuso l'utilizzo di zenzero.

L'infuso di zenzero e le sue proprieta' curative

 


Le proprietà di questa radice sono davvero eccezionali  e rendono ricca una semplicissima tisana: oltre ad essere un efficace arma contro l’ulcera, lo zenzero fa bene al sangue e al sistema nervoso, essendo un anticonvulsivo e analgesico.
E' un vero antisettico naturale, combatte stress, stanchezza e mali di stagione.
E non solo, lo zenzero contiene particolari enzimi antiossidanti e sostanze come il gingerolo e lo shogaolo che favoriscono la digestione, sono efficaci rimedi contro la nausea e stimolano la reazione dell’organismo. Se a tutto questo aggiungiamo  i benefici della vitamina C contenuta nel limone e le benefiche proprietà del miele, non si può fare altro che cominciare a proteggersi dai primi freddi sorseggiando una calda tisana allo zenzero.
Consiglio per chi crea l'infuso dallo zenzero fresco : sbucciare lo zenzero fresco e tagliare 2-3 pezzettini per una tazza, si lascia bollire in acqua per circa 4 minuti. Per esaltare il gusto del limone, si può far bollire con lo zenzero una buccia di limone non trattato, biologico.
C’è chi mette anche uno spicchio d’aglio, per aumentare le proprietà antisettiche della tisana!
(Informazioni trovate su curenaturali.it)

I rimedi naturali vanno utilizzati in caso di lievi malanni ed e; sempre bene effettuare una visita medica . Per malanni preoccupanti come tosse forte e persistente , affidatevi a professionisti.



Linky Party 2015

10 commenti:

  1. Conosco le mille proprietà dello zenzero..... ma dovrei sforzarmi di usarlo di più. =)
    Buon we.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi "sforzavo" ma e' servito ad allontanarmi dallo zenzero. Poi quest'anno ci ho riprovato con questa tisana gia' pronta per utilizzarlo gradualmente e va molto meglio.
      Come mi ha detto una ragazza su google piu' se ne deve utilizzare poco al giorno perche' ha anche i suoi effetti collaterali.
      Buona domenica Daniela!
      Roby

      Elimina
  2. Sai che ho in casa tutto l'occorrente per questo infuso curativo! Domani provo a farlo.
    Grazie Roberta, bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a casa tua malati d'influenza? Comunque andrebbe bene anche se non lo foste :)
      Bene, poi mi saprai dire gli effetti dell'infuso!
      Grazie a te Sabrina
      Roby

      Elimina
  3. pensa che le caramelle allo zenzero (in erboristeria, senza zucchero) minimizzano anche la nausea (quella lieve e continua) da chemioterapia... in una tisana come la tua è molto gradevole!
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lori! :)
      Benvenuta, comincio con il dirti grazie per avermi chiesto l'amicizia, mi hai fatto scoprire come si chiama la famiglia d'uccellini che ogni giorno viene sul nostro balcone di casa, le cinciallegre!
      Io ho provato lo zenzero candito, e' immangiabile, troppo forte!
      Comunque e' utilissimo e va inserito nella dieta :)
      Roby

      Elimina
  4. Io uso sempre lo zenzero per rimediare al raffreddore. Ce l'ho sempre in casa perche' mi piace e a volte lo sgranocchio anche quando non sono malata. Spero i tuoi stiano meglio... Un bacio Roby! Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastica Alex! Non so come tu faccia a sgranocchiarlo, e ti ammiro perche' per me e' aver coraggio!
      Stanno tutti meglio...a forza di infusi!
      Roby

      Elimina
  5. Ciao, non sapevo che lo zenzero avesse queste proprietà. devo dire che è un gusto che non amo...ma se ha questi benefici lo proverò, grazie, nuova follower, se ti va passa a trovarmi, ciao Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriella :)
      Benvenuta in Tana!
      Anche per me il gusto dello zenzero non e' tra i miei preferiti ma fa benissimo e devo dire che a forza di berlo mi sono abituata.
      Passo volentieri dal tuo blog!
      Roby

      Elimina

I vostri commenti fanno crescere il blog :)
Sono felice di leggere i vostri commenti. Una risposta la riservo a tutti e nel caso aveste un blog, saro' felice di far una scappatina e lascrvi un commento.

Cerca nell'Ecoblog