Passa ai contenuti principali

Oleolito purificante alla violetta


Oleolito di violetta, fiori freschi


Purificare la pelle infiammata con l'olio di violetta mammola


La primavera è un'esplosione di fiori, prati ricchi di fiori utili non solo a tutti gli insetti , ma anche a noi, per aiutarci internamente mangiandoli o bevendo tisane a base di fiori freschi, oppure esternamente con creme e olii specifici a differenti problemi della pelle.


Fiori di violetta


Oleolito di violetta



Quest'olio si prepara con i fiori freschi, e per prepararlo saranno necessarie poche settimane, altrimenti potremmo ottenere un olio rancido che dovremmo buttare.
Per ovviare al problema potremmo inserire nell'oleolito in fase di preparazione, un sacchettino piccolo di sale grosso chiuso con elastico che assorbe l'acqua contenuta nei fiori (grazie a Spignattidea per il consiglio ritrovato ;) )
Inoltre ho utilizzato questo olio di jojoba puro al 100%, che è un olio resistente , difficilmente irracidisce ed è inodore.



Applicazioni


L'oleolito di violetta mammola si rivela molto utile per le pelli impure poichè ha proprietà purificanti, sfiammanti ed emollienti . Inoltre è un olio che aiuta a cicatrizzare, utile anche sulle smagliature.
Sulle zone da trattare vanno applicate alcune gocce da massaggiare delicatamente e fino a completo assorbimento.


Ricetta


50gr di fiori di violetta mammola
250gr di olio di jojoba (o altro olio vegetale)

*Per intensificarne il profumo è possibile aggiungere delle gocce di essenza di violetta

Mettere i fiori in un barattolo pulito e ricoprirli di olio. Lasciare il coperchio socchiuso e macerare per circa 2 settimane.
Ogni giorno aprire il barattolo e scuotere l'oleolito.
Per filtrare mettere su un barattolo di vetro ben pulito e sterilizzato un canovaccio anch'esso pulito e versare l'olio con i fiori.
Stringere bene lo straccio per far fuoriuscire tutta l'acqua e l'olio che i fiori hanno assorbito.
Lasciar riposare l'oleolito compreso di scarto che rimarrà sul fondo del barattolo per almeno un giorno.
Il giorno seguente filtrare nuovamente con un canovaccio e conservare l'oleolito ottenuto in un barattolo scuro di vetro.


Come fare l'oleolito purificante




Ora ti parlo del gruppo di blogger che ho conosciuto grazie a Sonobio.com .
Ogni mese propone ricette di cucina e di bellezza, ma anche informazioni di prodotti e alimenti, il gruppo lo trovi con la pagina Facebook Food and Beauty che questo mese ha come tema le violette.

Se hai la possibilità di raccogliere tante violette potresti utilizzarle in cucina come ha fatto RoxxoBlog che ha "brinato" le violette e si possono utilizzare per arricchire i dolci primaverili.

E se ti piace il color violetto potresti provare la ricetta del burrocacao con protezione solare che ha creato CookingBeauty .


Ricette alla violetta

Commenti

  1. Un altro oleolito da provare! Dovró sbrigarmi a cercare viole 😊

    RispondiElimina
  2. Adoro le tue ricette per il corpo, sono davvero utilissime e credo profumate. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Cara Tea, sei veramente ingegnosa, pensi alla salute della pelle!!!
    Ciao e buona domenica cara amica con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Roberta, mi scuso se ti ho chiamato Tea, credevo che fosse Tea che è mi pre il secondo nome. Sicuro che non mi sbaglurò più. Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio. Tomaso

      Elimina
    2. Caro Tomaso non ci sono problemi 😊 buona giornata

      Elimina
  4. eh già ora devo trovare le violette e provare !!!

    RispondiElimina
  5. Fantastico grazie grazie grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

I vostri commenti fanno crescere il blog 🌱
Grazie ad una visitatrice che mi ha segnalato le sue lamentele, trovate di seguito le semplici ma importanti regole per commentare ✔️
Ringrazio tutti coloro che passano per un semplice commento di poche parole e quelli che lasciano un commento costruttivo per gli ecoseguaci che leggono o raccontano la propria esperienza 👍
Non posso rispondere a tutti i commenti entro breve tempo (la mia risposta può arrivare anche dopo 2 settimane ), mentre ai commenti che reputo importanti per un dialogo costruttivo per tutti, cerco di rispondere nel più breve tempo possibile.
Vi sono piattaforme più consone al "botta e risposta" e sono i social network, mi trovate quotidianamente su Instagram e Facebook.
Mi riservo il diritto di ELIMINARE ❌️ commenti SPAM e OFFENSIVI , mentre sono ben accetti 🙏 commenti COSTRUTTIVI ed EDUCATI.
✔️ Se avete un blog, sarò felice di ricambiare passando nel vostro mondo 🌿 questo significa che è il mio modo di ringraziarvi quando commentate con parole educate.
Roberta LaTEI
Info sulla Privacy

I PIù CERCATI DEL MOMENTO

Come usare il seme di avocado

Non buttare il seme di avocado ! È un concentrato di salute. Due anni fa una mia amica Sudamericana mi parlò di come venisse utilizzato il seme di avocado nel suo paese e di come faccia degli impacchi ai capelli che li rendono sani e forti.

5 ricette con i fiori di robinia, acacia

  Il dolce profumo in semplici ricette La robinia la definiamo acacia ma è una finta acacia, è una pianta infestate che si è diffusa nei boschi, accanto a ferrovie e canali. Ha fiori che emanano un dolce profumo e sono simili al glicine. Guarda assieme a me come gustarli in cucina sia per ricette dolci che salate e sopratutto originali.

Sapone fatto in casa - la ricetta schiumosa

Sapone cremoso, schiumoso e vegetale con 5 ingredienti , la base perfetta per tanti saponi solidi!

Ricette con i fiori di sambuco

L'aroma del sambuco in ricette salate e dolci, vegane e non Maggio è il mese di fiori dal profumo inconfondibile. Tra questi troviamo il sambuco, un cespuglio che arriva anche ad essere un albero con fiori si profumati, ma utilizzati in cucina assieme al limone o la mela emanano un profumo inconfondibile. Le ricette che ti propongo di seguito sono sane e ricche di gusto.

Come utilizzare il siero del latte

Alleato della pelle e dello stomaco, protegge e nutre Il siero del latte e' un prodotto caseario, è la parte liquida del latte che si separa dalla cagliata durante la caseificazione. E' utilizzato per produrre la ricotta, come additivo in altri prodotti alimentari e di pasticceria e come cibo per animali. Contiene lattosio, proteine, sali minerali e tracce di lipidi.